Kanga: allenati con il tuo bambino

Kanga: allenati con il tuo bambino

kangaOggi parliamo di come tornare in forma nel periodo post gravidanza con il Kanga, ovvero un tipo di allenamento fitness che si può svolgere con il piccolo neonato o bambino. Si sa, dopo una gravidanza le donne si sentono gonfie, grosse e sfiduciate. Capita a tutte di guardarsi allo specchio e non piacersi affatto, non è vero?

Ecco, una mamma che ha partorito da poco attraversa questa delicatissima fase in un momento della sua vita in cui tutto si stravolge, le ore di riposo calano drasticamente e il ritrovamento della propria forma fisica può diventare difficile da raggiungere facendosi spazio tra i mille nuovi impegni. Il Kanga è un’ottima soluzione che vi farà stare assieme al vostro bambino e, al tempo stesso, bruciare grassi e aiutarvi a tornare in forma. Vediamo di cosa si tratta!

I benefici del Kanga sono tantissimi!

kangaSi tratta di un vero e proprio programma di fitness completo, che lavora su resistenza, agilità, circolazione e tonificazione. Anziché utilizzare pesi o attrezzi, “l’oggetto” dell’attività motoria diventerà il bambino. Il piccolo, infatti, riposto nella fascia adagiata al corpo della mamma, fungerà da peso per lo svolgimento degli esercizi.

La particolarità del Kanga è che si concentra sulle zone tradizionalmente più problematiche delle neo-mamme, ovvero la fascia addominale e la muscolatura del pavimento pelvico. Inoltre il peso del bambino in crescita farà si che l’allenamento diventi sempre più impegnativo col passare del tempo, dando alla mamma una gradualità naturale e facile da sostenere. I benefici del Kanga, inoltre, si estendono anche al bambino che gioverà della musica e del contatto con la mamma rilassandolo e migliorandone l’umore.

Un lavoro semplice ma per gradi

kanga Le mamme del Kanga si suddividono in quelle che hanno appena partorito, nelle mamme intermedie e nelle mamme allenate da molto tempo. Solitamente si inizia a partire dalle sei alle otto settimane dopo il parto con delle varianti per le donne che hanno avuto il cesareo. Sono sufficienti tre allenamenti settimanali per vedere risultati interessanti, anche se si può scendere a due volte aggiungendo una camminata con il passeggino una volta a settimana, a passo sostenuto.

Il Kanga è adatto per i bambini fino ai due anni, ammesso che si divertano e che trascorrano il tempo serenamente. Ci sono mamme che portano con sé anche bambini un po’ più grandi e che si allenano svolgendo gli esercizi con la mamma, portando nel marsupio una bambola.

Non si smette mai di praticare Kanga!

Se praticare Kanga vi appassionerà al punto da non voler smettere è previsto un percorso finale avanzato da praticare senza il bambino nella fascia. Di solito viene chiamato con il nome di Kanga Burn perché si tratta di un percorso fitness intensivo, incentrato sulla resistenza fisica e orientato a bruciare molti più grassi. Tanti benefici, tempo trascorso col proprio piccolino e tante mamme con le stesse necessità insieme per divertirsi e tornare in forma. Il Kanga è davvero un’invenzione fantastica!

Silvia Ciuffetelli

Sport-Addicted

PS: Se ti ha colpito l’articolo o vuoi condividere la tua esperienza, lascia pure un commento qui sotto e dimmi cosa ne pensi!

Credits: foto 1,2 – foto3

Lascia un commento

Chiudi il menu