fbpx

L’importanza del risveglio muscolare

L’importanza del risveglio muscolare

Il mattino è un momento della giornata che molti di voi detestano e che altrettanti adorano.

Svegliarsi e uscire dal torpore morbido del piumone invernale è molto difficile, soprattutto se la sveglia suona presto e abbiamo riposato poco o male. In realtà il mattino è un momento importantissimo della nostra giornata che, sfruttato nel modo giusto, può diventare un vero toccasana per il nostro benessere psico-fisico. Vediamo meglio come.

Dal sonno ristoratore al risveglio muscolare: sveglia unica

risveglio muscolare“Sveglia unica” è la frase che mi ripeto ogni sera prima di andare a dormire, per non cedere alla tentazione di mettere più sveglie e tirare via altri cinque minuti di sonno. Sapete che svegliarsi e restare a letto mezzi addormentati fa più male che bene? Spesso i coach motivazionali ripetono che per avere successo bisogna porsi degli obiettivi realizzabili. Ebbene, mettere una sveglia che rimanderemo sicuramente, non vi aiuta. Vi danneggia. Vi farà svegliare più stanchi di dieci minuti prima e, peraltro, di malumore. Iniziate questo percorso di cura verso voi stessi impostando una sveglia plausibile e unica.

Cosa fare al risveglio?

Alzarsi piano, con cautela e non di scatto come il paziente dell’allegro chirurgo. Vi eviterà i giramenti di testa, molto comuni al risveglio. Ora stiracchiate bene il corpo, allungate le ossa e la muscolatura intorpidita dalla nottata. Sentite il corpo allungarsi e sbadigliate.

Sbadigliate tanto, perché anche il volto necessita di muoversi e di riprendersi dal torpore. Dirigetevi n bagno per espellere le tossine notturne. Non trattenete mai la pipì, soprattutto prima di andare a dormire e al risveglio. Liberatevi dello stimolo e bevete un bel bicchierone di acqua tiepida.

Pronti per il vero risveglio muscolare?

risveglio muscolareA questo punto direi che siete sicuramente pronti. Cosa fare? Avete due opzioni. Fare un po’ di movimento e concedervi una sana colazione oppure il contrario. Certo è che l’attività fisica mattutina, se siete digiuni, risulta più efficace per chi desidera perdere peso. In caso contrario, va bene ugualmente.

L’importante è fare due passi, una camminata, qualche piegamento. Muoversi. Io ho preso l’abitudine di anticipare la sveglia (andando a letto almeno un’ora prima rispetto alla norma) e portare fuori la mia cagnolina Dori per almeno mezz’ora a passo sostenuto. Se non lo faccio, porto giù in strada l’immondizia. Insomma, esco. Una volta rientrata, faccio partire la giornata con una colazione gustosa e sana.

Perché è importante il risveglio muscolare?

risveglio muscolarePerché la mattina fare del sano movimento soft, dolce ed equilibrato vi farà fare il pieno di energie per affrontare la giornata con lo spirito giusto. Niente più dolori alla schiena o musi lunghi. Se iniziate bene, sarete già a metà dell’opera. La respirazione profonda, lo stiracchiamento e il movimento vi faranno prendere maggiore coscienza del vostro corpo grazie all’intimità di questi momenti in cui vi starete dedicando completamente a voi stessi. Io ho provato ed ora lo consiglio a voi. Mi farete sapere come è andata?

Silvia Ciuffetelli

Sport-Addicted

PS: Se ti ha colpito l’articolo o vuoi condividere la tua esperienza, lascia pure un commento qui sotto e dimmi cosa ne pensi!

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Molto bene! Io faccio proprio così: mi sveglio lentamente e poi faccio un può di stretching.vorrei cominciare a correre al mattino presto per dimagrire.ma srl corro a digiuno dopo 30 min sento tanta fame e non riesco a proseguire. Come posso fare?

    1. Ciao Irina!
      Il fatto che il tuo corpo ti segnali una fame molto persistente può significare tante cose, tra cui un calo troppo repentino di zuccheri nel sangue. Se non riesci a proseguire perché ti mancano le forze, ti sconsiglio di procedere con questo tipo di attività. Prova a fare una buona colazione e poi provvedi all’attività fisica. Per dimagrire, infine, ti ricordo che non è necessario correre e basta. Hai mai provato a creare allenamenti alternando fasi aerobiche con fasi anaerobiche? Fammi sapere!

  2. Articolo interessante, d’estate è più facile alzarsi, mentre d’inverno tra il freddo fuori e la poca luce si rimane intrappolati dalle coperte.
    Provo da domattina ad applicare i consigli
    🙂

    1. Salve Loris!

      Ha provato a seguire i miei consigli? Come è andata?

Lascia un commento

Chiudi il menu