fbpx

Ottimizziamo i nostri livelli di energia!

Ottimizziamo i nostri livelli di energia!

Il nostro corpo produce e consuma energia. Tutto ciò che mangiamo viene trasformato in energia e tutto quello che facciamo ha bisogno di energia per essere portato a termine: il mantenimento della nostra temperatura corporea, fare sforzi fisici, concentrarsi, etc.

Avere dei buoni livelli energetici influenza la qualità di vita, permette di essere più reattivi, più performanti e più competitivi.

Di cosa ha bisogno il nostro fisico per riuscire a produrre tanta energia?

Assumono un’estrema importanza in ambito di energia, gli aminoacidi, i piccoli mattoncini che vanno a costituire il grande mondo delle proteine. Sono infatti fondamentali per la ricostruzione dei tessuti, la produzione di energia a livello cellulare e per creare un solido sistema di difesa. Un loro giusto apporto ti permette di assorbire correttamente le sostanze assunte tramite l’alimentazione e di conseguenza tradurle in produzione di energia effettiva!

La fonte migliore di amminoacidi è di origine animale, ossia laamminoacidi troviamo nelle proteine della carne, del pesce e delle uova principalmente. Le proteine animali che contengono tutti gli aminoacidi essenziali in rapporti ben equilibrati vengono definite “nobili”. La fonte vegetale sotto questo punto di vista è un po’ più debole, poiché caratterizzata da un apporto amminoacidico più incompleto. Alimenti vegetali con un buon apporto aminoacidico sono: lo pseudocereale quinoa, i legumi, i semi di canapa e la frutta secca più in generale.

Laddove la fonte alimentare non fosse sufficiente a coprire le richieste di aminoacidi da parte dell’organismo, è indicato inserirli in maniera aggiuntiva sotto forma di integratore. Bisogna fare attenzione in questo caso alla composizione dell’integratore, non bisogna farsi ingannare. E’ importante che gli aminoacidi presenti nel prodotto siano in forma libera, in modo che siano facilmente assimilabili dal nostro corpo, e non è necessario che siano esclusivamente aminoacidi ramificati, ce ne sono altri di maggior importanza e che intervengono maggiormente nella produzione di energia.

La creatina è un’importantissima fonte energetica, viene sfruttata dal corpo al bisogno per le contrazioni muscolari brevi ed intense. E’ un composto amminoacidico che si forma a partire da 3 amminoacidi: l’arginina, la metionina e la glicina; ma non può essere definita una proteina.

La carnitina non è un vero e proprio aminoacido, ma si forma a partire dagli aminoacidi lisina e metionina, soprattutto nel fegato e nei reni.
La carnitina riesce a legarsi, tramite un legame ad alta energia, agli acidi grassi; una volta legata a questi è in grado di trasportarli all’interno di organelli presenti nelle cellule, detti mitocondri, i quali assumono un ruolo primario nella produzione di energia. Una volta raggiunti i mitocondri gli acidi grassi vengono sfruttati per essere convertiti in energia. Da soli quest’ultimi, per conformazione strutturale, non sarebbero in grado di entrare nei mitocondri, ecco perché la carnitina è fondamentale per la produzione di energia a livello cellulare.
La sua principale funzione motiva il fatto che questa molecola si trovi ad alte concentrazioni in organi dove è fondamentale che i mitocondri delle cellule possano produrre molta energia, ossia i muscoli, il cuore, i reni e l’intestino.

Un altro esempio è dato dalla glutammina, aminoacido “condizionatamente” essenziale, indispensabile per permettere un buon recupero delle cellule muscolari in seguito ad uno sforzo fisico. Essa infatti favorisce la messa in riserva di glicogeno (mezzo attraverso il quale si accantonano gli zuccheri come deposito).

Gli zuccheri danno veramente tanta energia?

Per lungo tempo si è pensato che i carboidrati fossero la principale fonte di energia, perché lo zucchero è il macronutriente che viene assimilato più rapidamente e che dà al corpo benefici immediati sotto questo punto di vista. Tali benefici però sono di breve durata, è una fonte di energia “effimera”, che svanisce nel breve tempo. Sono quindi importanti per dare lo “sprint” rapido, ma nel lungo raggio non sono indicati quanto una fonte proteica.

Cofattori essenziali

Ci sono alcuni nutrienti che svolgono il ruolo di cofattori nello svolgimento del Ciclo di Krebs. Tale ciclo biochimico attuato dal nostro metabolismo, è un insieme di reazioni chimiche che permettono la produzione di energia, e viene attuato da ogni nostra cellula.

Questi cofattori sono indispensabili per poter assicurare ogni passaggio della catena di reazioni, e tra questi troviamo: la vitamina B1, il Coenzima Q10, il Ferro, l’Acido Alfa-Lipoico, il Manganese e tanti aminoacidi, tra cui alcuni precedentemente nominati.
vitamine per energia
Risulta dunque fondamentale seguire una corretta e bilanciata alimentazione per assicurare al corpo il giusto apporto di tali nutrienti e laddove necessario, colmare le carenze nutrizionali con un’integrazione specifica.

Dott.ssa Carolina Capriolo
Biologa Nutrizionista

PS: Se ti ha colpito l’articolo o vorresti approfondire l’argomento lascia pure un commento qui sotto e dicci cosa ne pensi

MyEnergy

Questo articolo ha un commento

  1. MOLTO INTERESSANTE,VORREI SAPERNE DI PIU’.

Lascia un commento

Chiudi il menu