Camminare: un allenamento adatto a tutti

Camminare: un allenamento adatto a tutti

Camminare presuppone che a ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi. Lo disse Italo Calvino e non potrei che essere in accordo con lui. Si potrebbe dire che “camminare” sia un po’ il senso della vita, se pensiamo alle salite, alle discese, agli ostacoli e alle soddisfazioni dopo la fatica. Se è pieno il mondo di grandi pensatori che hanno visto nel camminare un ottimo modo per allenare la mente, oggi qui svelo perché camminare può essere anche un ottimo allenamento per il corpo.

Camminare bene, e tanto: gli effetti dopo una settimana

camminareOccorre camminare almeno tre volte a settimana e per 40/45 minuti a passo più o meno sostenuto. Se provate per soli sette giorni, noterete da subito molti benefici. Vi sentirete meno assonnate e meno pigre. Avrete un appetito sano ma non tenderete ad esagerare. Molto sicuramente, al termine della settimana di prova, avrete anche riso più spesso e vi sentirete un po’ più felici. Ci avreste mai creduto?

Cosa succede al corpo quando si va a camminare

L’apporto di calorie bruciate con mezz’ora di camminata a passo moderato è pari a 102. Se aumentate il passo l’apporto di calorie bruciate arriva a circa 150. Personalmente detesto conteggiare le calorie perché ritengo sia un calcolo dannoso per la motivazione e l’impegno mentale di chi sta cercando di rimettersi in forma. Ciò che invece è fondamentale rispetto al camminare è il mix di benefici a cui si va incontro con il minimo sforzo. Si tratta di una reazione a catena tale per cui il cervello si ossigena, il corpo inizia a produrre endorfine e a migliorare l’umore, la cellulite tende a poco a poco a migliorare a vista d’occhio, la circolazione si riattiva e una sensazione di calore corporeo ci pervade e ci fa sentire bene.

Come motivarsi a camminare spesso

camminareL’obiettivo da raggiungere tutte le volte che si va a camminare è quello di superare i quaranta minuti. Farlo bene significa anche rispettare alcune norme di sicurezza, come bere la giusta quantità di acqua per idratarsi, non eccedere con gli sforzi ma sopratutto eseguire sempre lo stretching finale e il riscaldamento iniziale. Tutto l’allenamento dovrà essere svolto con il solo obiettivo di trarne giovamento. Al contrario, un allenamento faticoso, noioso o addirittura doloroso, vi porterà sicuramente a non voler mai più ripetere l’esperienza negativa. Perché vi consiglio di provare? Perché è la soluzione ideale per risparmiare sull’abbonamento in palestra ed è adatto a tutti. I benefici sono visibili sin da subito e vi darà il tempo di meditare e di godere dell’ambiente che vi circonda. Lasciatemi un commento e fatemi sapere la vostra esperienza!

Silvia Ciuffetelli
Sport-Addicted

PS: Se ti ha colpito l’articolo o vorresti approfondire l’argomento lascia pure un commento qui sotto e dicci cosa ne pensi

©ɘsinɘd

Lascia un commento

Chiudi il menu