Come possiamo scegliere i giusti aminoacidi?

Come possiamo scegliere i giusti aminoacidi?

Ci è già capitato di affrontare questo argomento in articoli precedenti, esaminando con cura la classificazione dei vari aminoacidi, le loro funzioni, indispensabili per il nostro organismo, e gli ambiti in cui possono rivelarsi preziosissimi.
Questa volta cercheremo di “creare una linea guida” per imparare a riconoscere un buon integratore a base di aminoacidi.

Breve riepilogo

Gli amminoacidi sono le unità fondamentali delle proteine, e costituiscono la base di tutti i processi vitali sonoingranaggi - aminoacidi infatti assolutamente indispensabili per attuare ogni processo metabolico.

Di amminoacidi esistenti in natura se ne contano all’incirca cinquecento, quelli invece che nello specifico intervengono nella formazione di proteine all’interno del nostro organismo, sono 20. Quest’ultimi si suddividono in due grandi categorie:

– Gli Essenziali, che l’organismo umano non riesce a sintetizzare in quantità sufficienti a far fronte alle proprie necessità.
– I Non essenziali, che si formano a partire da quelli essenziali.

Le funzioni

• Gli aminoacidi permettono il trasporto e l’immagazzinamento ottimizzato di tutte le sostanze nutritive (acqua, grassi, carboidrati, proteine, minerali e vitamine).
• Sono fondamentali per la ricostruzione dei tessuti e il rinnovamento cellulare.
• Servono per la produzione di energia a livello cellulare e per creare un solido sistema di difesa.
• Alcuni sono precursori di molecole con importanti funzioni biologiche (ad esempio sono precursori di alcune vitamine e neurotrasmettitori).

Perché integrare

Gli aminoacidi li troviamo in diversi alimenti, quegli migliori sono quelli di origine animale: la carne, il pesce e le uova perché sono una fonte più completa. Possiamo trovarli anche in alimenti vegetali, legumi, quinoa, alcuni tipi di alghe ne sono un esempio.

aminoacidiAl giorno d’oggi non sempre riusciamo a raggiungere il giusto apporto di aminoacidi esclusivamente attraverso l’alimentazione. Ci sono infatti alcune condizioni metaboliche che richiedono una maggior assimilazione di questi nutrienti, come intensi periodi di lavoro o di attività fisica, o come periodi di degenza post operatoria o fasi riparative; e in questi casi è altamente consigliata un’integrazione suppletiva. Come possiamo sceglierla allora?

Come scegliere i giusti aminoacidi?

1) AMINOACIDI IN FORMA LIBERA: Gli aminoacidi esistono in diverse forme, a seconda della loro conformazione chimica. E’ importante che l’integratore sia caratterizzato dagli aminoacidi non legati fra loro a formare proteine, ma liberi, in modo tale che siano più facilmente assimilabili dal nostro corpo.

2) AMINOACIDI NON SOLO RAMIFICATI: Assumere esclusivamente aminoacidiaminoacidi ramificati (un tipo di aminoacidi essenziali specifici nella produzione di energia e nell’aumentare la resistenza muscolare) per migliorare le prestazioni fisiche, in realtà può rivelarsi limitante. E’ importante infatti assicurare al corpo l’intero corredo aminoacido perché possa svolgere tutte le funzioni fisiologiche legate alla produzione di energia, l’assimilazione di nutrienti e la ricostruzione dei tessuti. Sfruttare solo gli aminoacidi ramificati non è performante.

3) NON SOTTOVALUTARE I COFATTORI: Non dobbiamo sottovalutare l’importanza di tutti quei cofattori che permettono al nostro fisico di assimilare meglio i nutrienti. Ad esempio elementi come le vitamine del complesso B e precursori di alcune di esse, rendono un integratore di aminoacidi estremamente più completo e di migliore qualità. Dobbiamo infatti sempre tenere a mente quanto sia importante per la nostra salute la sinergia dei diversi nutrienti.

Consigli utili

Non dobbiamo però pensare che l’integrazione possa sostituire una dieta sana ed equilibrata; quindi, per quanto possibile, è auspicabile condurre un regime alimentare ben bilanciato.

Se seguiamo un regime alimentare di tipo vegetariano, affidiamoci un po’ di più agli aminoacidi sotto forma di integrazione, in questo modo andremmo più facilmente a colmare le carenze dovute alla mancanza di proteine animali nella nostra alimentazione.

Inoltre gli integratori di aminoacidi possono rivelarsi estremamente preziosi se si svolgono intensi allenamenti fisici oppure se si sta attraversando un periodo molto intenso e faticoso. Quando le nostre energie sono molto basse essi potrebbero fare al caso nostro.

Dott.ssa Carolina Capriolo
Biologa Nutrizionista

PS: Se ti ha colpito l’articolo o vorresti approfondire l’argomento lascia pure un commento qui sotto e dicci cosa ne pensi

Lascia un commento

Chiudi il menu