Videoricetta della zuppa di farro metabolomica!

Videoricetta della zuppa di farro metabolomica!

farro in chicchi

Oggi voglio proporvi la video ricetta della zuppa di farro.

E’ una ricetta che appartiene alla cucina Toscana che è ricca di ricette di zuppe di vari tipi.

Io ho scelto questa perché il farro a noi piace molto e dato che l’inverno sembra aver voluto dare un “colpo di coda” noi a cena lo combattiamo così, con una zuppa calda e saporita.

Le varianti che ho apportato sono aver sostituito la patata (che non è metabolomica perchè contiene sostanze infiammatorie) con una carota ed aver omesso la pancetta per rendere la zuppa solo vegetale.

Vediamo insieme come la facciamo e poi vi parerò un po’ delle proprietà del farro.

Siete pronti?

Ingredienti e dosi per 4 persone:

  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 1 costa di sedano piccola
  • 1 cuore di porro
  • 1 carota
  • 5/6 pomodori ciliegino tagliati a tocchetti
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 scatola di fagioli borlotti BIO
  • 1 litro circa di brodo vegetale a coprire le verdure
  • salvia e rosmarino
  • 200 gr circa di farro
  • parmigiano a piacere
  • olio EVO a crudo

Procedimento in 6 passi:

  1. Scaldare l’olio in una pentola capiente (dovranno starci tutte le verdure, il brodo ed il farro).
  2. Far soffriggere leggermente il sedano, il porro, la carota e i pomodori tutti precedentemente tagliati a tocchetti.
  3. Mettere l’aglio e poi i fagioli e mescolare bene, lasciare cucinare un pochino le verdure finchè si ammorbidiscano.
  4. Aggiungere il brodo finchè copra le verdure.
  5. Aggiungere il farro e fare cuocere seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
  6. Servire con una spolverata di parmigiano e un filo di olio crudo.

Approfondimento:

Parliamo un po’ del farro.

Il farro è un cereale antico, si pensa che fosse già utilizzato in “cucina” già nel Neolitico, ce ne sono diverse varietà e quello che si trova da noi di solito è il farro dicocco ovvero quello medio, poi c’è il farro monococco più piccolo e lo spelta ancora più grande.

Il farro rispetto al comune frumento è più ricco di proteine, è ricco di vitamine e sali minerali ma povero di grassi, è inoltre più digeribile ed ha anche proprietà lassative per chi dovesse avere problemi di stipsi.

Ovviamente è da preferire il farro integrale a quello perlato per l’elevato contenuto di fibre, con la sola pecca della cottura molto più lunga quindi vi dovete organizzare per tempo se lo volete preparare (io uso un trucco ovvero lo cuocio prima fino a metà del tempo di cottura in modo che poi mi rimanga una seconda fase di cottura da finire in pentola come nel caso della zuppa, e come faccio anche per il riso integrale ad esempio).

Ricordatevi comunque che il farro contiene glutine per cui se siete intolleranti al glutine è meglio evitarlo.

Spero che la ricetta vi sia piaciuta e come sempre se avete dubbi o domande scrivetele nei commenti.

Valentina Romano – Healthy Food Blogger

Scrivimi e continua a seguirmi anche sulla mia pagina Facebook Le mie ricette on line

Valentina Romano

Healthy food blogger - Le mie ricette on line

Lascia un commento

Chiudi il menu